endodonzia

L'endodonzia si occupa del trattamento della parte interna del dente, dove si trova un delicato tessuto chiamato polpa, protetto dai tessuti duri più esterni, chiamati dentina e smalto.

La polpa è costituita da vasi sanguigni, tessuto nervoso e tessuto connettivo.
Quando viene danneggiata, a causa di una carie o di un trauma, deve essere rimossa, mentre l'interno del dente deve essere accuratamente disinfettato e poi otturato: è questo il trattamento endodontico, conosciuto anche come cura canalare, o più comunemente devitalizzazione. Rappresentando spesso l'ultima possibilità prima di un'estrazione dentaria, tale trattamento gioca quindi un ruolo decisivo nella conservazione del dente naturale.

Negli ultimi anni in questo settore sono stati introdotti nuovi materiali e tecniche innovative. Essi consentono di salvare elementi dentari che anche solo pochi anni fa sarebbero stati estratti. I moderni anestetici locali consentono inoltre di procedere in modo confortevole.

Oltre che in caso di infezioni acute della polpa, la terapia endodontica è indicata anche in caso di infezioni croniche, che possono causare ascessi o granulomi.

L'endodonzia comprende anche i ritrattamenti endodontici - interventi su denti già sottoposti a terapia in passato - e l'endodonzia chirurgica, nei casi in cui si debba intervenire in lesioni persistenti al termine della radice del dente.

La moderna endodonzia, con le sue varie procedure e con l'ausilio di attrezzature innovative come il microscopio operatorio, ha percentuali di successo molto elevate e consente il recupero del dente, che in seguito verrà otturato e protetto con una corona.

Per chiarimenti e ulteriori informazioni, non esitate a contattarci.

endodonzia endodonzia endodonzia endodonzia